i libri

Marta Buttini

 

Riflessi

 

Fotografie di Marta Buttini

 

ISBN-13: 978887536440-3

2019

pp. 94

cm 15x21

€ 15,00

L'autore

I testi

Recensioni

Riconoscimenti

Dello stesso autore

 

Acquista on line su:

9

9

 
L'autore

Marta Buttini ha pubblicato in precedenza il romanzo Movente remoto (Joker, Novi Ligure 2011).

0

I testi


I riflessi sono l’immagine allo specchio, quell’altro da noi che ci costringe a scrutarlo per coglierne l’intima essenza, per accertarci davvero se noi siamo così. Marta Buttini compie appieno questo sforzo, travalicando la sua indole emozionalmente pudìca, per dire: «Ecco, io sono questa». Non è un caso che il primo verso del primo testo sia una certificazione del proprio io: «Sono una donna nuda e vulnerabile» (Guardami dentro), una definizione dei propri contorni che lo specchio rimanda indietro senza filtri o vestiti che impediscono «di vedere cosa c’è nell’ombra» (Maschere).

 

* * *

 

Luce nel buio

 

 

Luce che inonda e illumina ogni anfratto
rendendo cieco l’attento osservatore.

Mentre tutto brilla nella sua miglior veste
lo sguardo è già attratto da nuovi bagliori.

Non c’è tempo per il particolare dietro la piega.
Non c’è voglia di sollevare la coltre pesante
per cercare una sfumatura celata.
Non c’è il piacere del perdersi nella realtà condivisa.

Solo fretta di bere tutto
già sazi di ogni cosa
nella smania di quel nuovo
che subito è vecchio.

Poi, all’improvviso,
cala la notte con il suo buio profondo
e nell’oscurità ogni flebile fiammella
crea ombre strane e smisurate,
accende fantasie impreviste,
indica nuovi percorsi.

Di quanto buio c’è bisogno
per vedere la luce.

 

 

 

 

* * *

 

Il pescatore

 

 

Pescatore solitario.
Nelle giornate grigie d’inverno
lo puoi trovare in riva al mare.
Solo, incurante di chi gli passa accanto,
è lì, con la sua canna da pesca tra le mani,
fermo, in silenziosa attesa.
Mentre lo osservi
il tempo perde la sua dimensione,
si dilata.
Non ha fretta il pescatore solitario,
non ha scatti d’impazienza,
non vorrebbe essere altrove.
È tenace e fiducioso.
Incurante del freddo che gli intorpidisce le mani,
con lo sguardo perso verso l’orizzonte,
non attende certezze né inutili consensi.

Vorrei l’amore di un pescatore solitario,
senza fretta,
senza scatti di impazienza.
Un amore di chi,
quando è con me,
non vorrebbe essere altrove.
Un amore tenace e fiducioso,
che non attende certezze,
né inutili consensi.

Vorrei amare come un pescatore solitario,
senza fretta,
senza scatti di impazienza.
Vorrei poter stare con il mio amore
senza desiderare di essere altrove.
Vorrei saper amare in modo tenace e fiducioso,
senza aspettare certezze
o inutili consensi.

Dove sei mio pescatore solitario?

 

 

0

Recensioni
 
Riconoscimenti
Dello stesso autore
Marta Buttini, Movente remoto
0