i libri

Paolo Montanari

 

Ogni sintesi

è un raggio di luce

 

n. 30

ISBN-13: 978887536444-1

2019

pp. 60

cm 15x21

€ 13,00

 

L'autore

I testi

Recensioni

Riconoscimenti

Dello stesso autore

 

Acquista on line su:

9

9

9

 

L'autore

Paolo Montanari è nato a Sacile, in Friuli, il 9 maggio del 1953. Vive in Toscana tra Arezzo, dove risiede con la famiglia, e il mare di Castiglioncello. Ha pubblicato Detto, visto, pensato (Editoriale Sette, Firenze 1999; poesie) e La saggezza è l’ultima illusione (Grauseditore, Napoli 2017; aforismi).

000

I testi

Paolo Montanari ci presenta una sorta di manuale di sopravvivenza contemporaneo dipanato in aforismi, organizzati seguendo le suggestioni dell’antica sapienza dei Tarocchi intesi qui, forse, alla Jodorowsky: non strumenti di una lettura esoterica ma simboli per una lettura del consultante stesso, strumenti di autoanalisi, richiami simbolici che devono rimandare a una realtà molto concreta della quale prendersi la responsabilità. Un manuale aperto all’oggi ma percorso da un tono che potrebbe far pensare a un compendio d’altri tempi, che rifugge i toni sapienziali a vantaggio di una talvolta spietata chiarezza, dotato del vigore e a un tempo della compostezza che si rintraccia in certi grandi moralisti del passato. Convivono pietas e severità («La pietà giustifica il silenzio, non la menzogna»), senso di responsabilità («La dignità individuale è patrimonio inalienabile dell’umanità»), scetticismo e senso critico («“Ci vuole misura nelle cose”: deve accompagnarsi all’indicazione del metro utilizzato»). Non a caso uno dei concetti ricorrenti è quello del limite: ciò che ci rende responsabili ma anche unici; in qualche modo un parametro che ci permette di relativizzare e placare la nostra ingorda e irresponsabile fame di certezze, le quali semplificano (come gli slogan, dice un aforisma, che orientano ma non costruiscono) e «riducono le possibilità» donandoci una libertà del tutto illusoria.

                                                                                                    Sandro Montalto

 

 

* * *

 

 

L’ineffabile non può stare nelle parole ma senza parole non può manifestarsi.

La consapevolezza di non sapere, è il presupposto iniziale e la sintesi finale dell’apprendere.

 

È una tragedia innamorarsi della bellezza.

Neppure la scienza può certificare davvero una verità assoluta.

La dignità individuale è patrimonio inalienabile dell’umanità.

 

L’utilità è la guida per sopravvivere, l’amore la guida per vivere.

 

La povertà si combatte con la ricchezza.

 

II privilegio è percepito come naturale e giusto da chi ne beneficia.


È mobile il confine etico dell’ipocrisia sociale.

 

La Storia non è maestra perché nessuno può insegnare il futuro.

 

L’ interesse collettivo non è la somma degli interessi individuali.

 

È presuntuosa la convinzione di non essere capiti.

 

Vista dal lombrico la gallina non è la stessa pacifica creatura che vede l’uomo.

 

I sogni dei bambini sono mappe per dare senso all’esperienza, i sogni degli adulti sono rifiuto di dare senso all’esperienza.

 

L’etichetta di artista nobilita vizi altrimenti imperdonabili.

 

Il permaloso si autoesclude da suggerimenti e consigli preziosi.

 

Prima e dopo sono strumenti della memoria e limiti della coscienza.

 

L’aforisma non dà risposte ma punti di osservazione.

 

Ogni artista pretende l’impossibile dalla sua materia: incorporare l’immaginario nel sensibile.

 

Acquisire consapevolezza della coscienza è una vertigine al bivio tra illuminazione e follia.
0

Recensioni
 
Riconoscimenti
Dello stesso autore

 

0

orgy japanesejapaa